Archivio per la categoria ‘Comunicati stampa’

1444725162461.jpg--milano__chi_e_mario_mantovani__il_vicepresidente_della_regione_lombardia_e_assessore_alla_sanitaNella giornata di martedì 19 aprile all’ordine dei lavori del Consiglio Regionale è prevista la presa d’atto della cessazione della sospensione dalla carica di consigliere regionale di Mario Mantovani.

Pur nella consapevolezza del pieno rispetto dei regolamenti vigenti, rinnoviamo il nostro invito a Mantovani di compiere un gesto di dignità e di rispetto verso l’istituzione, evitando il protrarsi di un imbarazzo che porrebbe in cattiva luce questo importante consesso in cui si legifera nell’interesse dei cittadini e per il buon governo della cosa pubblica, concetti che sono incompatibili con chi è appena stato coinvolto da indagini con ipotesi di reato contro la pubblica amministrazione come corruzione, concussione e turbativa d’asta .

L’unica scelta giusta e di civiltà che può fare Mantovani è far pervenire le sue dimissioni da consigliere regionale. Sarebbe un gesto di stile e di rispetto verso l’istituzione e i cittadini lombardi. Auspichiamo che Mantovani dimostri buon senso e rassegni le dimissioni di sua spontanea volontà, evitando ulteriori inutili e dannosi imbarazzi all’istituzione.

Ha dichiarato Luca Gandolfi, già capogruppo di Italia dei Valori in Consiglio Provinciale di Milano.

Milano, 18 aprile 2016

Luca Gandolfi

Annunci

mantovaniNel massimo rispetto delle decisioni della Magistratura e preso atto della corretta applicazione dei regolamenti vigenti, auspichiamo che Mantovani abbia il buon senso e la dignità necessaria per valutare l’opportunità di rassegnare le dimissioni dal Consiglio Regionale. Sarebbe un gesto di rispetto e garanzia verso l’istituzione che potrebbe restituire ai cittadini, almeno in parte, un po’ di fiducia verso la politica.

Ha dichiarato Luca Gandolfi, già capogruppo di Italia dei Valori in Consiglio Provinciale di Milano e ora candidato in Consiglio comunale.

Milano, 15 aprile 2016

Luca Gandolfi

Gandolfi_CartaAvvisoPubblico_14042016
Nella serata di giovedì 14 aprile Luca Gandolfi, già capogruppo di Italia dei Valori in Consiglio Provinciale di Milano, ha sottoscritto la Carta di Avviso Pubblico, il Codice Etico per la buona politica, insieme a tutti gli altri candidati di Italia dei Valori per il Consiglio Comunale di Milano a sostegno del candidato sindaco Beppe Sala nella coalizione di centrosinistra.

IMG_6004“Abbiamo voluto dare un segnale forte e chiaro nel senso della trasparenza e legalità.  Valori che da sempre caratterizzano l’operato nelle istituzioni e sul territorio dell’Italia dei Valori.

Possiamo dire con orgoglio che Italia dei Valori a Milano c’è. Ci siamo per la legalità, la trasparenza, la sicurezza, ma anche per molti altri valori come la difesa dell’ambiente, il lavoro, la casa. Con serietà al servizio dei cittadini.”

Ha dichiarato Luca Gandolfi, candidato in consiglio comunale con Italia dei Valori a sostegno di Beppe Sala sindaco.

La Carta di Avviso Pubblico (.PDF)

 

 

 

Città Metropolitane

Gandolfi (Italia dei Valori): Positiva unità d’intenti Pisapia-Nardella. Governo corregga la rotta

 

elezioni-urne-voto_zps00d7de99Positivo che l’incontro tra Pisapia e Nardella abbia fatto emergere intenti comuni. Le Città Metropolitane possono e devono diventare uno strumento prezioso per i cittadini e i territori, ma perché ciò accada, bisognerà apportare una serie di misure correttive al modello creato. Gli Statuti che le varie Città Metropolitane stanno ponendo in essere in questa fase non possono colmare tutte le lacune e gli errori di una legge partorita con troppa fretta. Funzioni chiare e certezza sulle risorse necessarie per operare sui territori al servizio della cittadinanza sono due aspetti fondamentali, ma tutto ciò non può prescindere da un coinvolgimento diretto del popolo sovrano per la scelta dei propri rappresentanti in questa nuova istituzione. Il modello di un ente di secondo livello in cui un’oligarchia di eletti sceglie al proprio interno chi deve rappresentare i cittadini è un insulto al concetto stesso di democrazia. Un’istituzione con compiti così importanti e ambiziosi deve godere della piena legittimazione che può derivare solo attraverso un voto a suffragio universale. La crisi della politica non deve indurre a restringere gli ambiti della partecipazione democratica, ma semmai ad ampliare le possibilità per i cittadini di incidere sul decision making in modo sempre più diretto.”

Ha dichiarato Luca Gandolfi, responsabile di Italia dei Valori della Citta Metropolitana di Milano.

 

Milano, 27 novembre 2014

Luca Gandolfi

Italia dei Valori – Responsabile IdV della Città Metropolitana di Milano

Città Metropolitana

Gandolfi (Italia dei Valori): La democrazia torna al secolo scorso

Eletto il primo Consiglio della Città Metropolitana di Milano. Ma eletto da chi? Se lo chiedete ai cittadini nessuno ne sa niente e la ragione è semplice: i cittadini sono stati esclusi dalla scelta dei loro rappresentanti. Ma che democrazia è questa? Viene spontaneo chiedersi. Una democrazia, se tale la vogliamo ancora definire, più simile a quella degli albori, quando a votare erano chiamati pochi privilegiati e la stragrande maggioranza del popolo ne era esclusa. Con questa riforma si è fatto un enorme ROUGET~1passo indietro nell’ottica della democrazia. Volutamente e colpevolmente ignorati i concetti di partecipazione e di suffragio universale. Ovvero due dei cardini di ogni sistema di democrazia rappresentativa. Ma anche due delle conquiste del secolo scorso. Con furbizia lo chiamano “ente di secondo livello”, ma la realtà è molto più semplice: i cittadini sono stati scippati del loro sacrosanto diritto/dovere di scegliere i loro rappresentanti, il tutto per consentire comodi giochi di palazzo. Con questa riforma si torna all’antico, si fa un salto indietro nel tempo all’inizio del secolo scorso. Un cambiamento, certo, ma nel verso sbagliato. L’Italia ha bisogno di fare passi in avanti attraverso una sempre maggiore partecipazione dei cittadini alla vita democratica, al decision making, e non di vedersi cancellare quella poca democrazia che ancora esiste.

Lo ha dichiarato l’ultimo capogruppo di Italia dei Valori del Consiglio Provinciale di Milano, Luca Gandolfi.

Milano, 29 settembre 2014

Luca Gandolfi

Capogruppo Italia dei Valori nell’ultimo Consiglio Provinciale di Milano eletto dai cittadini

Membro del Coordinamento regionale Italia dei Valori Lombardia