Posts contrassegnato dai tag ‘AFOL Milano’

COMUNICATO STAMPA

Afol

Gandolfi (Italia dei Valori): Chiediamo massima trasparenza

 

afol milanogiovani e moda alla fiera dell'artigianatoDalla informativa urgente del Collegio dei Revisori su Afol Milano e dalla loro audizione avvenuta oggi in Commissione Garanzia e Controllo emerge una situazione sconcertante. Molti i punti critici emersi che confermano le perplessità sollevate in questi ultimi anni dall’opposizione.”

È il commento del capogruppo di Italia dei Valori in Provincia di Milano Luca Gandolfi a margine della Commissione Garanzia e Controllo di oggi durante la quale è stato audito il Collegio dei Revisori.

“Su questa vicenda pretendiamo la massima trasparenza, una trasparenza che fino ad oggi non c’è stata. Il Consiglio Provinciale deve riappropriarsi del suo ruolo e mettere mano alla questione. Il Presidente Podestà avrebbe fatto bene a venire in Commissione per avere piena consapevolezza della gravità della situazione. Invece Podestà non si è fatto vedere. Mi chiedo se dopo aver dato fiducia a questa dirigenza, oggi non abbia anche lui dei dubbi. La sensazione è che in Afol si stiano consumando battaglie trasversali del tutto politiche che nulla hanno a che vedere con i temi importanti del lavoro dei quali la società si dovrebbe occupare. Dai bilancio, ai dubbi sui bandi, dalla direzione della presidente Sardone al caso Degan. Il rischio è che una gestione discutibile vada a danno di un servizio importante per i cittadini, specialmente in tempi di grave crisi. Mi auguro che l’Osservatorio sulla legalità e la trasparenza al quale il presidente Podestà ha affidato il dossier Afol svolga nel migliore dei modi il proprio compito. Noi, come Gruppo Italia dei Valori, continuiamo ad essere seriamente preoccupati da questa gestione e pretendiamo di vederci chiaro. Sarebbe saggio se si voltasse pagina.

Ha dichiarato il capogruppo di Italia dei Valori in Provincia di Milano Luca Gandolfi.

 

Milano, 18 aprile 2013

Luca Gandolfi

Capogruppo Italia dei Valori in Consiglio Provinciale di Milano

Annunci

COMUNICATO STAMPA

AFOL Milano
Gandolfi (Italia dei Valori): “Maggioranza si sgretola. CdA salvo per un soffio.”

Podestà perde i pezzi.”
È il commento ironico del capogruppo di Italia dei Valori in Provincia di Milano Luca Gandolfi, in merito alla votazione di oggi in Consiglio su Afol, l’Agenzia per la Formazione l’Orientamento e il Lavoro della Provincia.
Dopo la recente sentenza del TAR che ha dichiarato illegittima la nomina del Direttore Generale di Afol Milano, la mozione discussa oggi in aula chiedeva al Presidente di revocare immediatamente l’intero CdA. Podestà si è salvato per soli due voti. 20 consiglieri hanno votato in modo contrario, 19 a favore e 2 schede bianche. Peccato che la maggioranza in aula contasse 26 presenti. Questo è chiaramente un segnale. La votazione a scrutinio segreto ha confermato le perplessità che anche nel centrodestra ormai sono palesi. In 6 hanno dato forfait. Podestà si salva così in extremis ma forse è evidente che l’argomento meriti più che una riflessione.”

Milano, 19 gennaio 2012
Gruppo consigliare Italia dei Valori Provincia di Milano

COMUNICATO STAMPA

 

AFOL sentenza TAR

Gandolfi (Italia dei Valori): Podestà impari dagli errori: azzeri CdA rinnovandolo completamente, eviti giochi di potere e scelga persone con i requisiti necessari

Chiediamo si faccia chiarezza su quanto avvenuto, garantendo la continuità dell’importante lavoro che svolge AFOL Milano (Agenzia di Formazione e Orientamento al Lavoro) per tutti quei lavoratori delle aziende in crisi o quelli alla ricerca di un lavoro che subiscono, più di altri, i contraccolpi di questo periodo di crisi economica.

E’ quanto afferma il capogruppo di Italia dei Valori in Provincia di Milano Luca Gandolfi, durante la seduta del Consiglio Provinciale di oggi, commentando la notizia della sentenza del TAR relativa al ricorso n° 1931 del registro generale del 2011.

Come Italia dei Valori – aggiunge Gandolfi – chiediamo che il Presidente della Provincia azzeri l’attuale CdA. Il nuovo CdA dovrà avere chiaro che gli indirizzi decisi dal Consiglio Provinciale vanno fedelmente perseguiti, garantendo la massima trasparenza, tempestiva e completa informazione fornendo tutta la documentazione utile ai lavori delle Commissioni e del Consiglio provinciale. Chiediamo inoltre che venga fatta un’inchiesta amministrativa sulla vicenda. Si approfondisca la vicenda nella Commissione provinciale competente.

Siamo preoccupati. – prosegue Gandolfi – Vogliamo capire cosa accade ora a tutti quegli atti compiuti da Degan e dal CdA in questi mesi, dopo che il TAR ha sentenziato che il direttore generale Degan non aveva i requisiti necessari per ricoprire quel ruolo.

Conclude poi Gandolfi: “Ora tocca a Podestà dare un segnale forte e chiaro. Garantire la continuità del lavoro svolto da AFOL Milano vuol dire azzerare questo CdA rinnovandolo completamente, senza nessuno degli attuali componenti. Si impari dagli errori commessi, si evitino i giochi di potere e d’ora in avanti si scelgano persone che abbiano i requisiti necessari e maggiormente rispettose del ruolo e della dignità politica che spetta al Consiglio Provinciale.

Milano, 15 dicembre 2011

Gruppo consigliare Italia dei Valori Provincia di Milano