Posts contrassegnato dai tag ‘LGBT’

IMG_645011 maggio 2016, una data importante. Ora anche l’Italia ha una Legge sulle Unioni Civili. Certo non è la legge perfetta, ma almeno è un passo in avanti nella direzione della civiltà. Di passi ne rimangono altri da compiere … molti. Ma almeno, dopo anni di imbarazzante immobilismo sul tema, si è iniziato un cammino. Andiamo avanti.

Luca Gandolfi – Italia dei Valori

Annunci

I diritti civili non possono e non devono mai essere oggetto di discriminazione nei confronti di nessuno, sono per loro stessa natura patrimonio di tutti gli esseri umani.

Così ha dichiarato Luca Gandolfi, già capogruppo di Italia dei Valori in Consiglio Provinciale di Milano e candidato in consiglio comunale con Italia dei Valori nella coalizione per il candidato sindaco Beppe Sala.

999627_673273589374009_1241808030_n-620x298.jpgIn passato, come gruppo Italia dei Valori in Consiglio Provinciale, abbiamo fatto tutto quanto nelle nostre possibilità per portare avanti questo tema e sensibilizzare le persone, a partire da alcune mozioni fino ad un importante Convegno. – ricorda Gandolfi, che continua – Intendiamo proseguire su questa strada anche in Consiglio Comunale con i nostri futuri rappresentanti e di concerto con le altre forze politiche della coalizione per dare continuità al lavoro che su questo tema la Giunta Pisapia ha già svolto egregiamente.”

Conclude poi Gandolfi: “L’auspicio è che i diritti delle Famiglie Arcobaleno siano un tema in grado di trovare condivisione anche al di fuori delle forze politiche che oggi sostengono la candidatura di Beppe Sala sindaco.

Milano, 29 aprile 2016

Luca Gandolfi – Italia dei Valori

Qui di seguito un breve video girato durante la festa delle Famiglie Arcobaleno:

Luca Gandolfi (IdV) con le Famiglie Arcobaleno per i diritti civili – 30.4.2016

banner_PagMilano2016

Vladimir Luxuria

Gandolfi (Italia dei Valori): Presente al presidio per chiedere attenzione della comunità internazionale

Vladimir Luxuria sta portando avanti una battaglia importante in Russia, l’arresto di ieri e il fermo di oggi sono un fatto gravissimo e inaccettabile.

Ha dichiarato il capogruppo di Italia dei Valori in Provincia di Milano Luca Gandolfi, presente “Sit in SOS Russia” svoltosi dalle 18.30 in piazza San Babila, organizzato dal Coordinamento Arcobaleno, Arcigay e altre associazioni LGBT, per protestare contro l’arresto di Vladimir Luxuria e contro le leggi discriminatorie e omofobiche vigenti in Russia

1890544_10203125604203778_1606371112_oA Luxuria va la mia stima e la mia solidarietà perché recandosi in Russia è riuscita a rendere evidente a tutto il mondo quanto la discriminazione nei confronti della persone LGBT sia ancora una triste realtà in molti paesi. Quanto accaduto – continua Gandolfi – è un fatto gravissimo. Contrario a quello che dovrebbe essere lo spirito dei giochi olimpici. Un insulto alla civiltà e alla Comunità internazionale che deve fare sentire con forza e senza indugio il suo dissenso.”

Conclude poi Gandolfi: È importante che anche le istituzioni lancino un messaggio chiaro e chiedano l’intervento della comunità internazionale. Noi oggi da Milano abbiamo fatto sentire la nostra voce.”

Milano, 17 febbraio 2014

Luca Gandolfi

Capogruppo Italia dei Valori in Consiglio Provinciale di Milano

539795_10201546755664108_1480021854_n

Sit-in “Ma anche no”. Gandolfi-Geraci: “Provincia non tiene conto diritti milioni di omosessuali”

“La Provincia si era impegnata a sostenere i diritti Lgbt aderendo alla giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia. Oggi, la giunta Podestà contraddice se stessa dando la 1380800_10201546753704059_334331155_nsala consiliare e il patrocinio per un convegno dichiaratamente contro la Legge che è in discussione in Parlamento. Sono a fianco delle associazioni del Coordinamento Arcobaleno che stanno manifestando pacificamente con un sit in di dissenso”. – E’ il commento del capogruppo IdV Luca Gandolfi presente al sit-in organizzato dal Coordinamento Arcobaleno di Milano in risposta al Convegno ‘Ideologie del Gender quali ricadute sulla famiglia?’ patrocinato dalla Provincia di Milano

“L’iniziativa di questa sera è particolarmente grave perché non tiene conto del vissuto di tante persone omosessuali che, travolte da questi approcci ideologici, restano sole con la loro disperazione. E’ grave che un’istituzione pubblica, non tenendo conto dell’evidenza scientifica e del vissuto di milioni di omosessuali, dia spazio a chi tiene conto solo dei propri pregiudizi”. Ha dichiarato Gianni Geraci, Gruppo Del Guado Milano – Cristiani omosessuali, prendendo parte al sit-in.  

In allegato alcune foto del Sit-in in corso dalle ore 20.00 in Piazza Tricolore a Milano

 

Milano, 24 ottobre 2013

Luca Gandolfi

Capogruppo Italia dei Valori in Consiglio Provinciale di Milano

 

COMUNICATO STAMPA

Provincia

Gandolfi (Italia dei Valori): Podestà blocchi convegno ‘Ideologia del gender’

 

Il convegno ‘Ideologia del gender quali ricadute sulla famiglia?’ ospitato presso la Provincia di Milano il prossimo 24 ottobre è lesivo della dignità di tutte le persone transessuali ed omosessuali”.

Ha commentato il capogruppo di Italia dei Valori in Provincia di Milano, Luca Gandolfi.

L’evento promosso dall’associazione Famiglia domani si è già tenuto in altre città italiane suscitando numerose polemiche tra le associazioni LGBT. Come Gruppo Italia dei Valori abbiamo presentato un’interrogazione in Consiglio Provinciale. Non è accettabile che l’associazione parli della legalizzazione del reato di omofobia e del matrimonio omosessuale come di ‘campagne tese a sovvertire l’ordine naturale’. In un momento delicato come quello che stiamo vivendo nel quale questi temi sono finalmente giunti nell’agenda dei lavori del Parlamento mi sembra del tutto inopportuno che la Provincia ospiti un convegno che rischia di creare alibi a reati esecrabili come quelli che si fondano sulla discriminazione nei confronti delle persone omosessuali, lesbiche, bisessuali e trasngender. Inoltre, continua Gandolfi la presenza all’iniziativa di un consigliere provinciale eletto nelle fila della maggioranza (ora nel gruppo misto), Niccolò Mardegan, rende ancora più grave la questione in quanto in un certo senso istituzionalizza una presa di posizione lesiva dei diritti di numerosi cittadini, quale quello dell’orientamento sessuale. Ricordo che nel 2010 il Consiglio Provinciale ha approvato una mozione con la quale l’ente aderiva alla ‘Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia’. Un barlume di luce all’interno delle tenebre che offuscano il nostro paese quando tenta di affrontare simili tematiche. Una luce a cui purtroppo, lo dico con rammarico, non ha fatto seguito nessun atto concreto per celebrare degnamente la ricorrenza del 17 maggio. Ora, addirittura si arriva al paradosso, con la Provincia che ospita un convegno che intende riproporre teorie screditate da tempo dal mondo scientifico e lesive dei diritti fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione.”

Conclude poi Gandolfi: “Chiedo al Presidente Podestà di intervenire affinché l’iniziativa non si svolga in uno spazio pubblico all’interno della Provincia. Non si vuole di certo limitare la libertà di esprimere il proprio pensiero, ma riteniamo inaccettabile che un’istituzione come la Provincia di Milano si presti a operazioni che si sono dimostrate lesive dei diritti più elementari delle persone solo per il fatto che hanno deciso di intraprendere scelte di vita alternative rispetto ai modelli dominanti.”

 

Milano, 4 ottobre 2013

Luca Gandolfi

Capogruppo Italia dei Valori in Consiglio Provinciale di Milano

Commissario Italia dei Valori di Milano città e provincia